Acqua da bere in gravidanza: tutto quello che dovresti sapere
Acqua da bere in gravidanza: tutto quello che dovresti sapere
Condividi:

Acqua da bere in gravidanza: tutto quello che dovresti sapere

La gravidanza è un periodo affascinante per molte future mamme. Tuttavia, la gioia associata all’arrivo di un bambino è mista a incertezza e mille domande, inclusa la più importante: come prendersi adeguatamente cura di te e del tuo bambino?

Riposo, corretto esercizio fisico, cura della pelle e, soprattutto, una corretta alimentazione: questo è molto importante durante la gravidanza. Vale anche la pena ricordare le proprietà benefiche dell’acqua, che dovrebbe essere la base di una dieta sana.

Nell’organismo umano l’acqua rappresenta un costituente essenziale per conservare il buon stato di salute.

La domanda, ora, ti sorgerà spontanea: esiste un’acqua da bere in gravidanza in particolare?

Vediamo in questo articolo quali sono le più consigliate e qual è la quantità raccomandata.

Idratazione del corpo durante la gravidanza

Mantenere il corpo idratato è molto importante, soprattutto perché la necessità di liquidi aumenta durante la gravidanza. Questo perché il volume del sangue circolante subisce un aumento, in relazione allo sviluppo dei tessuti fetali e all’aumento del peso degli organi della mamma (seno, utero).

Gli effetti benefici dell’acqua sullo sviluppo del feto

Sin dall’inizio della gravidanza, l’acqua è un essenziale elemento per il piccolo ovulo appena fecondato.

Il liquido amniotico, infatti, è costituito dal 98-99% di acqua e il suo volume aumenta durante la gravidanza. L’acqua penetra dal sistema circolatorio della madre attraverso la placenta, fino al arrivare al piccolo che poi nascerà con il 70% di acqua in corpo.

Voglio ricordarti un altro motivo per cui è importante l’acqua da bere in gravidanza: la grande vulnerabilità alla disidratazione. La quantità di liquido amniotico è importantissima per lo sviluppo del feto e dipende dalla corretta idratazione del corpo della madre. La carenza di acqua materna o una riduzione della quantità di liquido amniotico può portare a una ridotta crescita.

Anche una leggera disidratazione può far sì che la futura mamma abbia meno forza, provi mal di testa, vertigini, ansia o una peggiore concentrazione, per cui attenzione!

Bevi acqua per migliorare i disturbi della gravidanza

Durante la gravidanza, la futura mamma è responsabile non solo del suo benessere e della sua salute, ma anche di quella del bambino. Pertanto l’acqua, durante questo periodo è particolarmente importante. Grazie a una corretta idratazione, non solo sosterrai il sano sviluppo del tuo bambino, ma ti sentirai anche meglio. L’acqua può aiutare a ridurre i disturbi tipici della gravidanza: nausea, stipsi e bruciore di stomaco, spesso accompagnano le donne in gravidanza nel primo trimestre. Un’adeguata idratazione, inoltre, aiuta anche a prevenire l’infiammazione delle vie urinarie, così comune durante la gravidanza

Vale anche la pena ricordare che, durante la gravidanza, il corpo spesso trattiene l’acqua: questo fa gonfiare le gambe o le dita delle future mamme. Una dieta non adeguata e un eccesso di sodio sono spesso responsabili del gonfiore: la scarsità d’acqua può peggiorare di gran lunga questa condizione.

Acqua da bere in gravidanza: qual è la giusta quantità?

Le future mamme hanno bisogno di circa 2 litri di liquidi al giorno, quantità che corrisponde a 8-10 bicchieri, l’80% dei quali dovrebbe essere fornito sotto forma di acqua.

L’acqua deve essere:

  • assunta regolarmente,
  • lentamente ma spesso
  • consumata in modo uniforme nell’arco della giornata.

Ci tengo a sottolineare che non dovresti aspettare di avere sete: quando senti lo stimolo di bere, significa che il corpo è già abbastanza disidratato.

Qual è l’acqua da bere in gravidanza?

  • L’acqua dal rubinetto va benissimo! Per eliminare il sapore del cloro con cui è trattata l’acqua è sufficiente prelevarla e lasciarla riposare un paio d’ore di prima del consumo. Puoi usare anche i filtri d’acqua da montare nel lavandino della cucina o le caraffe filtranti con i filtri incorporati
  • L’acqua minerale in bottiglia. Le etichette delle bottiglie di acqua minerale riportano sempre i parametri di composizione, quindi è facile risalire per esempio al contenuto di calcio (Ca++) che, se presente in buona quantità — 350 mg/l circa — rende l’acqua una significativa fonte di approvvigionamento del minerale, particolarmente necessario al corpo durante la gravidanza. Attenzione al sodio (Na+): si consiglia un contenuto massimo di 20 mg/l.
  • L’acqua gassata. L’anidride carbonica con cui viene riempita di bollicine, infatti, è un gas presente nell’aria che respiriamo, per questo non rappresenta un pericolo per la salute. La gassatura dell’acqua, inoltre, potrebbe apportare un sollievo per la sete e, per alcune mamme in attesa, un aiuto contro la nausea.

Il resto dei liquidi li puoi coprire bevendo:

  • Tè rosso (con un basso contenuto di caffeina)
  • Succhi di verdura o di frutta naturali, senza zuccheri aggiunti, centrifugati o sotto forma di estratto
  • Puoi anche reintegrare i liquidi mangiando le zuppe o minestre (ottime in inverno) e bevendo latte o yogurt. Ricordati, però, che questi sono liquidi che contengono comunque proteine, grassi ed energia, per questo non bisogna farne un largo consumo: basteranno 1-2 porzioni al giorno.
  • Ricordati anche che frutta e verdura sono ricche in acqua, oltre che in fibre, vitamine e minerali. Per questo ti raccomando di consumare giornalmente minimo 3 porzioni di frutta e 2 di verdura.

Tè bianco, tè nero e tè verde non sono indicati in grandi quantità: non superare i bicchieri al giorno.

Altre bevande da eliminare sono tutti gli alcolici e tutte quelle iper zuccherate ed energizzanti perché sono altamente infiammanti e perché fanno male al bimbo.

Come bere di più?

Per aumentare il consumo di liquidi ti consiglio di aromatizzare l’acqua con frutta ed erbe. Ecco a te alcuni esempi:

  • limone e fette di zenzero
  • cetriolo e lime
  • pompelmo e mirtilli
  • pesca e basilico fresco
  • fragole
  • fette di arancia, limone o lime
  • fragole e kiwi
  • mela e stick di cannella
  • menta e lime

Altra idea, invece, potrebbe essere quella di utilizzare alcune app per bere più acqua.

Fra tutte ti consiglio le seguenti:

  • Hydro
  • PlantNANNY

Che cosa fanno? Semplicemente ti avvisano quando è ora di bere un po’ d’acqua, per non rimanere disidratata.

Altra soluzione potrebbe essere rappresentata dalle “bottiglie intelligenti” che possono aiutarti nel bere di più. Qui sotto te ne riporto una speciale selezione:

  • La bottiglia BellyBottle. Creata appositamente per la gravidanza, viene fornita con segni misurati che indicano quanto dovresti bere e entro quale ora. In questo modo, è più facile seguire il tuo obiettivo. Dentro alla confezione, inoltre, troverai degli adesivi settimanali che puoi utilizzare in base alla settimana della gravidanza a cui ti trovi.
  • La bottiglia promemoria. Questo dispositivo i adatta perfettamente a qualsiasi bottiglia o bicchiere, iniziando a lampeggiare quando è il tempo di assumere l’acqua. In questo modo non sarà più possibile dimenticarsi di bere abbastanza!
  • La bottiglia Winter. Dato che è importante bere anche in inverno, abbiamo selezionato questa bottiglia ideale per tè e infusioni di frutta, caldi o addirittura freddi.

A questo punto non mi resta che augurarti Buona Gravidanza!

Mi raccomando: ricordati di bere!

Post scritto in collaborazione con

Ewelina Szpilska

Dietista e Chef che puoi trovare come autrice di pubblicazioni relative al mondo gravidanza e allattamento. Inoltre si occupa di consulenze online “one to one”.

Dislcaimer: Verdiana Ramina partecipa al programma Affiliazione Amazon eU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it.