Frutta e verdura di febbraio: un concentrato di vitamina C!
Frutta e verdura di febbraio: un concentrato di vitamina C!
Condividi:

Frutta e verdura di febbraio: un concentrato di vitamina C!

Tempo di lettura: 8 minuti

Febbraio è arrivato e, a grande richiesta, ho deciso di proseguire con la rubrica dedicata alla frutta e verdura di stagione!

Rispetto al mese di gennaio troviamo nuovi alimenti e ne vediamo scomparire altri, che fanno spazio a primizie inedite, vere promesse di una primavera che – non so te – non vedo l’ora che arrivi! Ma torniamo ai vegetali del mese: c’è una cosa in comune fra tutti i frutti della terra di febbraio. Immagino tu sappia a cosa mi riferisco: la presenza di vitamina C.

Ti confermo che la vitamina C è importantissima per il nostro sistema immunitario: aiuta l’organismo a proteggersi dalle malattie causate da virus e batteri e, grazie ai suoi forti poteri antiossidanti, contribuisce al benessere in più e più modi. Assicurarsi una quantità ottimale di vitamina C con l’alimentazione è essenziale per la salute di grandi e piccini, siccome il nostro corpo non è in grado di ottenerla in altro modo. E febbraio, caro genitore, è un mese che ci viene decisamente in aiuto per farlo!

Pronto a scoprire le delizie dell’orto di questo mese con cui sbizzarrirti nella preparazione di gustosissime ricette?

Frutta di febbraio: agrumi e tanto altro

Non c’è altro da dire: è il mese degli agrumi! Questi frutti sono importantissimi per le nostre difese immunitarie e non ti nego che sono onnipresenti nella mia spesa di febbraio! Tra arance, bergamotti, clementine, mandarini, pompelmi e limoni, hai davvero l’imbarazzo della scelta.

I kiwi, re indiscussi di vitamina C

Adesso però ti confido un segreto: sono in realtà i kiwi, altri vegetali gustosissimi del periodo, ad essere al primo posto per la quantità di vitamina C. Pensa che basterebbe un solo frutto (o poco meno) per raggiungere l’apporto suggerito dalle linee guida per tuo figlio. Io non me li farei scappare!

Pere e mele: che passione!

Altro frutto che viene raccolto in questo periodo è la pera, nelle sue svariate “qualità” come la kaiser, la fizet, la conference o la decana. Non ho indicazioni particolari su quale scegliere, poiché tutte mostrano proprietà importanti per mantenere in salute il nostro corpo. L’unica cosa che mi sento di ricordare è che non è necessario l’acquisto di frutta biologica per poterne mangiare la buccia. Lavala molto bene sotto acqua corrente e potrai mangiare anche la parte esterna di frutti ricavati da metodi di coltivazione tradizionali.

Anche la mela è un prodotto che si trova durante questo mese. La sua buccia ha interessanti proprietà antiossidanti per cui ti consiglio di non pelarla – sempre se ti piace integra!

So cosa stai pensando: finché si tratta di mele e pere è facile ricordarsi che appartengono ai vegetali di stagione, ma che dire del resto della frutta di febbraio? Sapresti riconoscere i vegetali invernali tra la miriade di prodotti offerti nella grande distribuzione? No? Beh: ci sono io a venirti in aiuto!

Forse non sai che nei miei e-Book “Menù per tutta la famiglia includo una lista della spesa con tanta frutta stagionale, per aiutare grandi e piccini a fare scelte consapevoli al momento dell’acquisto. Non lasciarteli scappare!

I libri digitali puoi acquistarli a questo link, ma in questo articolo desidero farti un regalo: ti lascio la lista della frutta di febbraio inclusa nell’e-Book dedicato alla stagione più fredda. Stampa queste pagine ed appendile in cucina: la frutta invernale per te non avrà più segreti! E che dire della verdura, di cui analizzeremo le proprietà nel prossimo paragrafo? Anche in questo caso ho preparato un’elenco perfettamente allineato con la stagionalità dei vegetali, da tenere sempre con te!

Verdura di febbraio

E ora torniamo a noi ed agli ortaggi di stagione! I colori predominanti della verdura di febbraio sono così carichi che quasi ci preannunciano la loro golosità: il verde ed il viola scuro, ma anche il rosso rubino spiccano nella spesa stagionale, con qualche piccola eccezione, data dalle carote e dalle cipolle.

Carote e cipolle: più di un soffritto

Le carote sono ricche di beta-carotene, il pigmento arancione per la maggior parte responsabile del loro colore… ma anche precursore della vitamina A. Questo composto è davvero molto utile per mantenere in salute gli occhi e la pelle. Durante l’età della crescita è importante assumerlo per aiutare le ossa in un accrescimento omogeneo. Non solo: il beta-carotene è molto importante per aumentare l’assorbimento del ferro a livello intestinale! È quindi fondamentale includere vegetali che lo contengano nella propria dieta settimanale e le carote sono una buonissima opzione!

Le cipolle, invece, hanno così tante proprietà che servirebbe un intero articolo per parlarne. Innanzitutto sono ricche di vitamine e sali minerali. Le peculiari fibre che contengono, poi, favoriscono lo sviluppo della flora batterica, ovvero quell’insieme di microrganismi per noi essenziale che abita il nostro intestino. Per cui ti invito a non considerarla, come a volte accade, come un “ingrediente aggiuntivo” per un soffritto improvvisato: prova a rivalutare le sue grandi proprietà benefiche!

Verdure verdi: coste e cime di rapa

Rispetto al mese di gennaio, troviamo alcune “new entry” come le cime di rapa e le bietole.

Le cime di rapa sono verdure di origine antica dal sapore leggermente astringente. Queste hanno un alto contenuto di vitamina A, C e K e sono ricche di ferro, calcio e potassio, tutti componenti essenziali per il buon funzionamento del nostro corpo.

Le bietole o coste, invece, sono un alimento ricco di potassio: come tutti i vegetali sono particolarmente adatte per la salute del cuore… oltre ad essere davvero deliziose.

Cavoli, verze e spinaci

Fra la frutta e verdura di febbraio troviamo, inoltre, cavolo nero, cavolfiore, verza e spinaci. Non ti fare ingannare dal loro colore verde: questi vegetali, come le carote, sono una fonte di beta-carotene che abbiamo visto essere un composto importantissimo per la vista e per mantenere in salute la pelle.

Come far mangiare frutta e verdura di febbraio ai bambini?

Febbraio, come lo è stato gennaio, è un mese difficile per i bambini perché frutta e verdura di questo periodo hanno dei gusti particolarmente intensi. Inoltre in questo mese domina il colore verde, da sempre associato a difficoltà da parte dei più piccoli nei confronti dei cibi.

Broccoli-e-bambini

Scommettiamo che con alcune accortezze di presentazione, però, anche il tuo bimbo potrà sperimentare questi nutrienti e sani alimenti? Prendiamo ad esempio i “tagli sicuri”! Di come presentare broccoli e cavolfiori ho parlato approfonditamente nel paragrafo dedicato dell’articolo di frutta e verdura di gennaio, vediamo invece come proporre mele e pere!

Mele e pere

Questi sono frutti con la polpa piuttosto dura. Prima di darli al tuo bambino che si trova all’inizio dello svezzamento, sbucciali, per poi tagliarli a fette sottilissime, a particola, per capirci, utilizzando il pela-patate. In alternativa puoi proporli a fiammifero: così non sbaglierai di sicuro!

Carote

Per questo alimento dobbiamo fare una distinzione fra cotte e crude. Se le carote sono crude possono essere grattugiate con una grattugia a fori larghi, mentre se sono cotte possono essere tagliate in stick di mezzo centimetro di spessore. Questo formato è perfetto per i bambini di 6-9 mesi che padroneggiano la presa palmare! Successivamente, quando il piccolo dimostra una buona capacità di movimento fine tipica della presa a pinza, puoi tagliarla a cubetti. Fai molta attenzione, però, ad evitare il taglio a rondella, decisamente più pericoloso!

Ricette con la frutta e verdura del mese

Non sai come integrare questi alimenti nelle tue ricette quotidiane? Ho pensato di indicarti una piccola ricetta preparata con gli ingredienti di stagione, da poter cucinare subito!

Pesto di cavolo nero e cannellini

Pesto-cavolo-nero-cannellini

Ingredienti

  • 150 g di fagioli cannellini precotti, scolati della loro acqua di governo e ben sciacquati
  • 130 g di cavolo nero (al netto degli scarti)
  • Succo di mezzo limone
  • Olio EVO q.b.
  • Aglio q.b.

Preparazione

Sbollenta il cavolo nero, dopo aver tolto la parte dura centrale, per una decina di minuti.

Strizza le foglie e frullale con i cannellini, l’aglio ed il succo di limone.

Questo pesto si può conservare per tre o quattro giorni in frigorifero, in un barattolo ermetico, avendo cura di coprirlo con olio EVO. In alternativa può essere anche congelato in piccole monoporzioni pronte all’uso per pranzi o cene last minute: potrà essere impiegato come condimento per una pasta golosa, per arricchire una bruschetta assieme a scaglie di grana e mandorle tostate ridotte in foglia, ma anche come dip con cui accompagnare polpette di tutti i tipi!

Mi raccomando, però: non aggiungere sale se i tuoi bambini hanno meno di 12 mesi!

Bene, caro genitore, con questo direi che possiamo salutarci: ti rimando al prossimo articolo relativo alla frutta e verdura di stagione! E non dimenticare di stampare la lista gratuita dei vegetali di febbraio: con questo utilissimo strumento, i prodotti dell’orto non avranno più segreti!